INDAGINI E MONITORAGGIO

Indagini e monitoraggio strutturale

Il mantenimento in sicurezza delle costruzioni rappresenta una problematica tecnica di sempre maggiore rilevanza: è sufficiente considerare i numerosi edifici antichi e quelli moderni particolarmente sviluppati in altezza, i manufatti di contenimento, i viadotti e le grandi infrastrutture in genere. La sensibilità strutturale di queste opere è strettamente correlata alla loro complessità costruttiva, alle dimensioni, allo stato conservativo, alla durabilità dei materiali, al contesto geologico-ambientale nel quale sono inserite.

L’osservazione sperimentale mediante monitoraggio strumentale assume un ruolo centrale nel processo diagnostico in quanto costituisce la base informativa indispensabile per l’individuazione delle cause del dissesto; tale analisi risulta indispensabile in un gran numero di applicazioni nel campo dell’ingegneria civile quali il progetto, la valutazione del danno, il rinforzo di strutture esistenti ed il controllo delle strutture duranti eccitazioni ambientali.

Codda Ingegneria ha sviluppato, già dai suoi primi anni di attività, elevata competenza nell’ambito delle indagini strutturali e del monitoraggio di strutture esistenti; grazie alla disponibilità di sofisticati sistemi di misura e la collaborazione con laboratori specializzati in indagini strutturali lo studio definisce ed attua piani di indagine e di monitoraggio strutturale.

Codda Ingegneria svolge indagini e monitoraggio strutturale di opere in muratura, acciaio, calcestruzzo armato e legno al fine di verificarne la stabilità e la resistenza. Questo procedimento viene attuato attraverso prove e controlli sui materiali da costruzione e strutture già esistenti, oppure su con prove non distruttive nel campo delle costruzioni civili.

Le indagini e il monitoraggio strutturale che realizza lo studio Codda Ingegneria avvengono mediante lo studio sistematico delle cause e degli effetti di azioni sull’opera, i quali derivano da una serie programmata di analisi condotte nel tempo a seconda della tipologia della struttura in esame. Questo tipo di servizio viene sviluppato con la massima attenzione da parte degli ingegneri di Codda, operando sia a Lavagna, dove si trova la sede dello studio, che nel Tigullio e in tutta la provincia di Genova.

Il mantenimento del livello di sicurezza di un edificio o di un’infrastruttura rappresenta la motivazione principale del processo di monitoraggio che nasce di fatto con l’opera stessa, in quanto fisiologicamente connesso ai problemi strutturali che il progetto e la costruzione comportano.

Monitorare significa misurare, periodicamente o continuativamente e in modo più o meno automatico, la posizione di punti di controllo, che si trovano all’interno o in prossimità di un’area di interesse, per determinarne le variazioni (spostamenti assoluti e relativi) sopravvenute nel tempo. Spesso è necessario operare in tempo reale, così da poter attivare eventuali allarmi non appena i valori di tolleranza siano superati.

Gli spostamenti si possono manifestare in tempi brevi (e generalmente con andamento quasi periodico), oppure in intervalli maggiori: nel primo caso si parla di spostamenti dinamici o continui, nel secondo di spostamenti quasi stazionari o discreti.

La conoscenza del comportamento strutturale nelle condizioni di esercizio e durante eventi dinamici di varia origine è diventata, negli ultimi tempi, la base per l’adozione di misure efficaci in grado di mitigare gli effetti degli eventi eccitanti sulle strutture e sull’utenza.
Lo studio, attraverso sofisticati strumenti e sistemi di calcolo, è in grado di realizzare sistemi di monitoraggio per:

  • misure inclinometriche
  • misure dei cedimenti differenziali
  • prove su pali e micropali di fondazione
  • misure piezometriche
  • misure di spostamenti (quadro fessurativo ed aperture giunti)
  • misure di rotazione di elementi strutturali
  • misure dello stato di deformazione
  • prove di carico
  • misure di forza
  • valutazione sulle caratteristiche meccaniche dei legni strutturali
  • misure di portanza delle murature e del terreno
  • misure di temperatura ed umidità (assoluta e relativa)
  • misure di umidità dei materiali da costruzione
  • misure di vibrazione e prove dinamiche
  • valutazione della classe di resistenza del calcestruzzo
  • analisi del numero, del diametro e della posizione delle armature nel c.a. già realizzato
  • prove sulla resistenza del calcestruzzo

Analisi delle lesioni ed interpretazione del quadro fessurativo

Il monitoraggio strutturale e l’analisi del quadro fessurativo rappresenta uno dei campi di maggiore ricerca del nostro studio; attraverso strumentazioni molto avanzate riusciamo a monitorare l’insieme di fessure visibili ed invisibili su un’opera o un elemento strutturale esistente, derivanti da uno stato di dissesto o di degrado.

La presenza di un quadro fessurativo in una struttura da origine ad una possibile diminuzione nel tempo dei margini di sicurezza globali o locali dovuti a fenomeni fisiologici oppure patologici, per questo motivo riteniamo che sia molto importante effettuare un monitoraggio prolungato per un periodo utile ad interpretare le cause dei dissesti e successivamente i possibili interventi a salvaguardia della struttura, potendo discriminare tra quelli utili e quelli meno importanti.

Pertanto, l’analisi di un quadro fessurativo appare di estrema complessità, e solo la competenza di un tecnico esperto nel settore può aiutare a risolvere il problema; pertanto Codda Ingegneria esegue controlli sullo stato di salute di strutture esistenti di cui, generalmente, non sono note le caratteristiche strutturali e verifica il loro reale livello di pericolosità, valutando “l’idoneità statica” delle costruzioni, ricorrendo ad indagini strumentali e a tecniche di controllo al fine di acquisire una “base dati” indispensabile per poter formulare un’ipotesi di intervento.

La nostra attività inizia sempre con un esame preliminare della struttura da sottoporre a monitoraggio, attraverso un ampio ed esaustivo esame visivo e fotografico, per poi passare ad una puntuale ricostruzione delle sue vicissitudini storiche, della situazione “in situ” sia tramite un attento rilievo fotografico che tramite un puntuale rilievo geometrico ed infine una mappatura dei materiali utilizzati. Si passa poi al monitoraggio costante della lesione (o le lesioni) tramite un deformometro millesimale riportando quindi i risultati di tale monitoraggio in un grafico cartesiano dove sulle ascisse si posizionerà il periodo della misura e sulle ordinate verranno appuntati i valori della misura letta sullo strumento.

A corredo del monitoraggio vengono annotate anche la temperatura e l’umidità dei luoghi di misura.

I deformometri di cui disponiamo permettono notevolmente di migliorare la sensibilità della misura rispetto a quelle misurabili tramite fessurimetri in policarbonato o semplici calibri.
In funzione delle condizioni della struttura e delle lesioni, si possono eseguire due differenti tipologie di monitoraggio:

  • dinamico: quelli in cui il controllo dell’evoluzione dei quadri fessurativi avviene in continuo
  • statico: (più comune) l’operatore, a cadenze temporali predeterminate durante la progettazione del monitoraggio, attraverso strumenti meccanici oppure elettronici, si reca in situ per rilevare la misura

Alla fine dello studio di un quadro fessurativo possiamo trovarci innanzi a quattro diverse tipologie di andamento:

  • progressione ritardata
  • progressione accelerata
  • progressione costante
  • progressione stabile

Naturalmente tutte le progressioni possono essere legate da effetti termici giornalieri e/o stagionali, per questo è opportuno prolungare i monitoraggio per un periodo compreso tra 12 e 18 mesi.

Studiando la forma delle lesioni è possibile fare un’ipotesi delle cause che le hanno generate, per questo distinguiamo:

  • Cedimenti fondali
  • Lesioni di trascinamento e scorrimento
  • Lesioni da redistribuzione
  • Lesioni di schiacciamento e frantumazione
  • Lesioni concentrate di forze
  • Lesioni derivanti da vuoti interni alla muratura
  • Lesioni da martellamento
  • Lesioni da torsione
  • Lesioni da ribaltamento
CODDA INGEGNERIA

Monitoraggio strutturale: i lavori eseguiti

Mediante il monitoraggio strutturale, Codda Ingegneria valuta lo stato di avanzamento di un quadro fessurativo che contraddistingue una struttura con determinate lesioni: il processo di monitoraggio comprende una preliminare analisi dei dissesti e la conseguente installazione dei sistemi di monitoraggio per valutare l’andamento nel tempo. Al termine del periodo di monitoraggio, lo studio determina l’andamento e la possibile evoluzione delle lezioni, così da stabilire l’entità e l’evoluzione del fenomeno: se in accelerazione o in esaurimento.

Tra i principali interventi effettuati da Codda Ingegneria troviamo:

  • Monitoraggio di edifici in muratura ordinaria
  • Monitoraggio di opere civili in calcestruzzo armato (autorimesse, silos, ponti, ecc.)
  • Monitoraggio di strutture di sostegno e di contenimento

Piani di indagini: i lavori eseguiti

Lo studio Codda Ingegneria definisce i piani di indagini per valutare le proprietà meccaniche e strutturali di edifici già esistenti al fine di raggiungere un livello di conoscenza appropriato per analizzare la struttura. Questo consente quindi di progettare un intervento di miglioramento o un adeguamento sismico, un consolidamento statico e soluzioni affini. Relativamente alle attività di collaudo su nuove strutture, lo studio è in grado di definire piani di indagine complessi con prove di carico e valutazione della portanza di strutture speciali. Codda Ingegneria esegue anche indagini termografiche e igrometriche per l’analisi dell’umidità atmosferiche.

Tra i principali interventi effettuati da Codda Ingegneria troviamo:

  • Piani di indagini su strutture in muratura, anche di interesse storico ed artistico
  • Prove di carico su impalcati in calcestruzzo armato
  • Prove di portanza per paratie di pali e micropali
  • Verifica di sistemi di ancoraggio
  • Piani di indagine su elementi lignei
  • Valutazione delle proprietà meccaniche residue per strutture in acciaio (ponti, impalcati in acciaio corten, ecc.)

Per avere maggiori informazioni e richiedere preventivi circa le indagini, il monitoraggio strutturale e altri servizi è possibile contattare Codda Ingegneria al numero 0185 393358 o compilare il form sottostante.

PER INFORMAZIONI E PREVENTIVI GRATUITI

Codda Ingegneria di Matteo Codda
via Giacomo Matteotti 21/4, 16033 Lavagna GE

Tel. 0185 393358
info@coddaingegneria.it

Call Now Buttonchiama ora